Come costruire un personaggio (letterario) di successo

by Elena Salem
Come costruire un personaggio letterario di successo

Nel corso della mia attività di volontariato, ho conosciuto una ragazzina che stava da tempo in ospedale e che era sempre china su un libro. Un giorno mi sono seduta accanto a lei e le ho chiesto perché leggesse così tanto. Lei mi guardata, quasi fosse sorpresa dalla mia domanda. «Perché ogni giorno incontro persone diverse» mi ha risposto, come se fosse la cosa più ovvia del mondo. Ed proprio questo il punto.

I personaggi di una storia devono essere come le “persone” vere

I personaggi di una storia devono essere con le “persone” vere. Esseri umani con i quali potersi identificare. Pur essendo creati dalla fantasia dello scrittore, il lettore esige che i protagonisti della narrazione siano credibili e vivi come le persone reali.

Il nostro mondo immaginario

Se si riesce a creare l’illusione che i personaggi che avete creato siano persone verosimili, il lettore si lascerà catturare dal vostro mondo immaginario, sostituendolo a quello reale.

Il desiderio è il motore di una storia

Il personaggio di una storia deve volere qualcosa. Il desiderio è la forza che muove la natura umana e, applicato alla narrativa, è il motore che muove la storia.

Non importa che il desiderio sia grande o piccolo, l’importante è che sia forte. Un desiderio forte porta il lettore a identificarsi con il personaggio e ad avere la cuore il raggiungimento dei suoi obiettivi.

Se non c’è conflitto non c’è storia

E sono gli ostacoli e i conflitti che si frappongono tra il personaggio e il raggiungimento dei suoi desideri/ obiettivi creano il conflitto, il conflitto crea la storia. Il conflitto non è soltanto un ingrediente, è la leva fondamentale su cui fa perno tutta la storia.

La buona narrativa è fatta di grandi dilemmi e avversità che si manifestano sotto forma di ostacoli esterni e di conflitti interiori.

Il modo in cui veniamo coinvolti in una storia

Ci connettiamo con i nostri lettori attraverso le vicende del nostri protagonisti.

Non appena i nostri protagonisti affrontano un conflitto/un ostacolo, il lettore affronta gli stessi problemi insieme a lui. Questo è il modo in cui veniamo coinvolti in una storia. Nel percorso di scrittura, è molto importante entrare in contatto con le sfide interiori nei nostri personaggi. Perché è in quelle si rispecchieranno i nostri lettori. La verità personale è lo spazio simbolico dove si ritrovano le verità umane.

Come costruire un personaggio letterario di successo

Lavoro preliminare costruzione personaggio

La prima cosa da fare quando ci si accinge a raccontare una storia e quella di delineare la storia dei nostri personaggi. Approfondire ogni dettagli vita e carattere(anche ciò che non scriveremo). Il commissario Maigret nasce dalla penna di Georges Simenon nel 1929.Simenon ha più volte affermato di aver inventato il personaggio di getto, ma i suoi critici hanno rivelato che in realtà i tratti caratteristici di Maigret sono il frutto di un lungo studio da parte dell’autore, che prima di arrivare al Maigret definitivo è passato da ben diciotto tentativi.

Due modi per presentare i personaggi

Ci sono due modi per presentare i personaggi.

  1. Descrizione
  2.  L’azione

Raccontare è come sentire parlare di qualcuno, mostrare è consentire al lettore di incontrare direttamente il personaggio.

Calarsi nei panni del personaggio

Far parlare il personaggio in modo credibile e naturale, vuol dire far riferimento a un sistema di riferimento culturale condiviso, a dei modelli di comportamento da tutti riconosciuti. Vuol dire tener conto dell’età del nostro personaggio, del suo grado di istruzione, del mondo a cui appartiene.

In copertina, il commissario Montalbano interpretato da Luca Zingaretti, nella serie televisiva dedicata al commissario creato da Andrea Camilleri.

Qui sotto, una gallerie di personaggi letterari diventati celebri. 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe interessarti