E tu perché scrivi? Ecco gli interventi degli amici della community

by Elena Salem

«Tutto è iniziato dopo una sofferenza che ha cambiato in un attimo la mia vita e i miei interessi, le mie prospettive. Così un giorno un foglio bianco è diventato la mia fonte di ispirazione …» ha raccontato Antonio Parisi a Il piacere di raccontare, nello spazio “Incontriamoci tra le righe”.

Sono arrivati 88 interventi, uno più interessante dell’altro da cui trarre  prendere spunto per il proprio percorso interiore e di scrittura.  Per esprimere la creatività, confrontare la propria esperienza e trovare sempre nuovi significati.

Ottantotto interventi, uno più interessante dell’altro da cui trarre ispirazione

« …. emozioni tumultuose, storie reali o immaginarie che aleggiano nella mente e, nel momento in cui si posano su carta, prendono forma e non aspettano altro che di essere lette, trasformandosi in qualcosa di vivo …» ha scritto Anna Lisa Bove.

E ancora: «Scrivo per combattere e celebrare al tempo stesso l’ipermanenza della vita, il mutare e il restare, ciò che ciclico si ripete e ciò che non torna più. Scrivere allarga i confini… » dice Elisa Fontana.

La scrittura è terapeutica, fonte di ispirazione, aiuta a mettere a fuoco e a mettere in ordine i pezzi della propria vita, stimola la creatività, allarga gli orizzonti, alimenta il respiro, riattiva le risorse interiori e molto altro ancora.
« Scrivo perché non so parlare in pubblico» ha raccontato Lorenzo Palumbo, «ma sento il bisogno di essere ascoltato. La scrittura mi permette di arrivare al nocciolo della questione, di evadere o raccontare la realtà».

Grazie a tutti gli amici che hanno contribuito a questo appuntamento della community che consente di “incontrarci tra le righe”

Grazie a tutti gli amici che hanno contribuito a questo appuntamento importante della community che consente di “Incontrarsi tra le righe”, scambiare esperienze e opinioni sulle nostre comuni passioni. Non solo, ma anche di testimoniare il nostro esserci a questo mondo. Come conviviamo con le nostre fragilità, le insicurezza e il dolore che fa parte della vita. L’affermazione della nostra identità e i nostri punti di forza. Le gioie e le speranze che illuminano il nostro percorso.

«Per gustare i sapore, gli odori» ha scritto Ivano Azzellino.

In altre parole, la bellezza della vita. Il significato o i significati che attribuiamo alla nostra esistenza.
Elena Salem

Ecco i nomi e i testi scritti dagli amici della community

Ecco qui sotto i nomi e i testi che abbiamo ricevuto per la rubrica #IncontriamociTraLeRighe dagli amici della community de Il piacere di raccontare.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Potrebbe interessarti